Roda di Vael (Rifugio) già Ostertaghütte

Roda di Vael (Rifugio) già Ostertaghütte

Roda di Vael (Rifugio) già Ostertaghütte

L’idea di erigere un rifugio nell’alta valle del Vajolon maturò all’interno della sezione Welschnofen – Karersee del D.u.Oe.A.V di Welschnofen (Nova Levante) dopo che un primo rifugio era stato costruito sotto la Cima delle Coronelle.
Già nel 1899 la Sezione aveva dunque avviato una trattativa con il Comune di Vigo di Fassa per l’acquisto di una porzione di terreno comunale individuata in località Sforcella nella Valle del Vajolòn per costruirvi il rifugio. I lavori per costruire un rifugio in grado di ospitare una ventina di persone iniziarono così nella primavera del 1906 e il 7 agosto di quell’anno il rifugio veniva solennemente inaugurato con il nome di Ostertag Hütte, il cognome dell’industriale di Ludwigsburg grazie al generoso contributo donato alla sezione di Welschnofen per la sia costruzione.
Nel luglio del 1921 il rifugio venne affidato alla SAT che attribuì il nome “Roda di Vaèl”.
Nei primi anni ’80 la SAT decise di ristrutturare il rifugio. Nel settembre del 1982 il consiglio inserì il rifacimento del rifugio tra i lavori in programma per l’anno successivo stabilendone l’inizio nel mese di settembre. Il cantiere fu regolarmente aperto nel settembre del 1983 e i lavori proseguirono per tutta l’estate del 1984 e già nel 1985 poté riaprire ai clienti. I lavori si conclusero quell’anno e l’inaugurazione del nuovo rifugio fu fissata per l’estate del 1986.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright 2021 - Web Design Gionata Legrottaglie - Curatore web Alberto Zanellato