Nassano Vittorio e Aristide (Rifugio)

  • Regione: Lombardia
  • Località: Brallo di Pregola (Pavia)
  • Sezione: Voghera
  • Anno di costruzione: 1939
Nassano Vittorio e Aristide (Rifugio)

Nassano Vittorio e Aristide (Rifugio)

La singolare storia del rifugio Nassano ha origine nel 1939 quando un gruppo di giovani appassionati di montagna e soci della sezione CAI di Voghera utilizzò una struttura prefrabbricata in legno a forma esagonale utilizzata per la vendita di bibite, posta in piazza Meardi a Voghera.
Il baracchino venne smontato e portato a Cima Colletta per la riconversione a ricovero alpino; un punto di appoggio per gli escursionisti e turisti che vi salivano a piedi nei fine settimana.
Nel corso della seconda Guerra Mondiale il bivacco venne abbattuto e sostituito da una casermetta militare in pietra ad uso osservatorio; anche quest’ultima però ebbe vita breve.
Nel 1946 il CAI di Voghera con l’aiuto del comune di Voghera, l’Ente Provinciale Turismo, la Camera di Commercio di Pavia e la Comunità Montana, acquisì la casermetta dal Demanio Militare.
Nell’estate dello stesso anno la ristrutturazione venne terminata e con una grande festa il 22 settembre si celebrò l’inaugurazione del rifugio dedicato a Vittorio e Aristide Nassano vittime della seconda Guerra Mondiale.
Da allora ad oggi sono state diverse le opere di miglioria eseguite per il mantenimento ed il miglioramento della struttura stessa.


6 Risposte

  1. marco ha detto:

    Era dicembre del 1986. Poco prima di Natale lessi una notizia (che oggi chiameremmo “fake news”) sulla Provincia Pavese, sugli impianti sciistici di Cima Colletta. Secondo l’articolista, gli impianti erano aperti, nonché rinnovati. L’idea di sciare sulle montagne di casa, non so che dire, mi ha sempre attizzato, per cui decisi, insieme ad un’amica, di armarci di sci, scarponi e quant’altro e di partire per Cima Colletta, dove peraltro non ero mai stato…
    Dopo il Brallo dovetti fermarmi a montare le catene, la strada era innevata, ma piano piano arrivai con la mia Ibiza a destinazione. Ci accolsero Roberto Bassini e la sua compagna, gestori del rifugio Nassano, ai quali chiedemmo come fare per raggiungere gli impianti di risalita. I due, stupitissimi, ci dissero che gli impianti erano chiusi da anni e che non capivano come mai ci eravamo avventurati fino a lì… Dopo le spiegazioni del caso, dopo i commenti di Roberto, forse avrei dovuto indirizzare una valanga di improperi all’articolista della Provincia, ma tutto sommato, senza volere, ci aveva fatto un favore: la mia amica ed io passammo una bella giornata in mezzo ai boschi innevati, gustammo un piatto di tagliatelle con i funghi porcini (raccolti e conservati da Rita) che me le ricordo ancora, tanto erano buone ed infine conoscemmo un luogo che per me era ed è magico, Cima Colletta. Mi è spiaciuto davvero tanto apprendere che Rita e Roberto hanno lasciato la gestione del Rifugio. Non ne conosco i motivi, ma forse posso immaginarli…
    Davvero un peccato.

  2. Iu2ike Luca ha detto:

    Sono stato al Colletta oggi dopo tanto tempo, vedere questo piccolo angolo di paradiso vicino a Pavia abbandonato a se stesso fa piangere il cuore. Speriamo ritorni operativo prima o poi

  3. Rita ha detto:

    Ciao ragazzi, se siete stati al Rifugio avrete sicuramente visto il pannello relativo alla raccolta fondi destinata al recupero e riapertura dello stesso. E’ vero! La sezione CAI di Voghera si sta fortemente impegnando per avviare i lavori di ristrutturazione con un progetto ambizioso: renderlo un punto di riferimento per escursionisti e frequentatori delle nostre montagne; punto di ristoro, di Primo Soccorso, info point, stazione di ricarica per le e-bike e altro ancora. Ma come potete immaginare, per fare questo servono soldi. Chiunque voglia contribuire a garantire un futuro, anche economico, alle comunità presenti sul territorio, trova tutte le informazioni nel sito http://www.caivoghera.it.
    Grazie per l’aiuto che potrete dare.

  4. Sergio Casellato ha detto:

    Noi ci fermavamo spesso al rifugio, accolti sempre in modo caloroso. È stato davvero un dispiacere sapere della chiusura. Speriamo possa riaprire

    1. Alberto Zanellato ha detto:

      grazie del pensiero, lo speriamo tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright 2021 - Web Design Gionata Legrottaglie - Curatore web Alberto Zanellato