Sella Quintino al Monte Bianco (Rifugio)

Sella Quintino al Monte Bianco (Rifugio)

Sella Quintino al Monte Bianco (Rifugio)

Il rifugio venne costruito a 3370 m. d’altezza, un’ora più a monte dell’antica Capanna delle Aiguilles Grises alla testata del contrafforte roccioso ai Rochers  sul versante sud-ovest del Monte Bianco.
Agevolava l’ascensione alla vetta del Monte Bianco dal versante italiano ma venne presto abbandonato dopo la scoperta del più agevole accesso alla vetta del Dôme sempre dal versante italiano e servita dal rifugio Gonella fin dal 1891.
Il Q. Sella venne costruito per iniziativa e cura della Sede Centrale del CAI nel 1885. Tutto in pietrame locale posto a secco e rivestimento internamente di legno modulare predisposto a valle in falegnameria e trasportato a spalla in quota; misurava internamente m.9×2,70 composto di tre camere uguali di m.3×2,70 e poteva accogliere comodamente 15 persone.
Nel 2015, grazie a significativi contributi stanziati da Regione Valle d’Aosta, Banca Sella e Club4000 (affidatario della struttura in qualità di sottosezione del CAI Torino), iniziarono i lavori di restauro dello storico rifugio dedicato al principale artefice del sodalizio, il biellese Quintino Sella (1827-1884), ingegnere idraulico, alpinista nonché per tre volte ministro delle finanze del Regno d’Italia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.