Volta Alessandro in Val dei Ratti (Rifugio)

Volta Alessandro in Val dei Ratti (Rifugio)

Volta Alessandro in Val dei Ratti (Rifugio)

Il vasto anfiteatro della Valle dei Ratti, con la visione del Manduino, dello Spluga, del Calvo, dell’Oro, del Ligoncio entusiasmò i giovani alpinisti comaschi tanto che scelsero fin d’allora la posizione dove erigere il secondo rifugio della Sezione.
Ad accelerare i tempi intervennero altri due fattori: l’uno, l’avvicinarsi del 1899 con le celebrazioni voltiane alle quali tutta Como stava dedicando notevoli sforzi, e per le quali il CAI desiderava dare in qualche modo il suo contributo, l’altro, l’anno seguente era il 25° di fondazione della Sezione e quale migliore occasione per commemorare degnamente il traguardo.
Il CAI di Como acquistò così il terreno su cui erigere il manufatto da alcuni proprietari di Verceia.
L’edificio fu disegnato dal socio ing. Enrico Mariani. Venne costruito in solida muratura, composto da due parti contigue, la prima ad unico piano, formato da una specie di atrio con due aperture verso l’esterno sempre aperte per offrire riparo a chi capitasse sprovvisto di chiave. L’altra, chiusa a chiave, a due piani con dormitori separati per uomini e donne.
Poteva ospitare fino a 35 persone, dopo un recente restauro la capacità è stata portata a 40 posti.
Venne inaugurato l’8 settembre 1900 e dedicato all’inventore della pila elettrica.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright 2021 - Web Design Gionata Legrottaglie - Curatore web Alberto Zanellato