Azzoni Luigi (Rifugio) già Rifugio Enrico Daina

Azzoni Luigi (Rifugio) già Rifugio Enrico Daina

Azzoni Luigi (Rifugio) già Rifugio Enrico Daina

Con l’acquisto, da parte della SEL (Società Escursionisti Lecchesi) nel 1923 di una piccola baita sulla cima del Resegone adibita a ricovero per caprai e cacciatori, ebbe inizio la storia del rifugio che allora si chiamava Capanna Daina, dal nome della famiglia proprietaria del terreno.
Nel corso della la seconda Guerra Mondiale fu distrutto dalle truppe nazi-fasciste; in quel periodo tutte le baite, rifugi e alpeggi della zona vennero distrutti e incendiati dai tedeschi per sottrarre ai partigiani delle possibili basi d’appoggio. A fine conflitto venne iniziata la costruzione del nuovo rifugio non più nel punto più alto sulla cima ma più in basso e leggermente defilato. Negli anni Cinquanta la Società dedicò il rifugio a Luigi Azzoni, consigliere e apprezzato cassiere della SEL, tra i protagonisti anche della ricostruzione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.